giovedì 8 dicembre 2016

intervista blogger ERBACCE E DINTORNI

Ecco un'intervista a cui tengo molto, vi presento con orgoglio Roberta Rossini, una persona meravigliosa ( nonchè mia sorellina ;-)) che ha dedicato tutte le sue energie ad un progetto lavorativo e di vita impegnativo ma meraviglioso. Conosciamo meglio lei ed ERBACCE E DINTORNI 



Grazie a voi per l’invito, è un piacere essere qui.

PARLACI DI TE, CHI SEI NELLA VITA DI TUTTI I GIORNI?
Una mamma, in tutti i sensi. Se per mamma si intende “colei che si prende cura”. Sono mamma di due splendide bambine, sono mamma della mia terra e delle mie piantine, sono mamma delle erbe, dei fiori e dei doni della nostra grande mamma: la Terra.

COME E’ NATA LA PASSIONE PER ‘LE ERBACCE’?
Non so di preciso come sia nata, molto probabilmente dagli insegnamenti dei miei nonni e dei miei genitori, che mi hanno sempre insegnato ad apprezzare le erbe, i funghi, i frutti della natura coltivati o spontanei. Andavamo spesso a raccogliere erbette e funghi, osservavo mia nonna preparare conserve, essiccare, trasformare tutto ciò che raccoglievamo in piatti deliziosi e profumati. Quei momenti, nei campi, quegli odori, quei sapori ti rimangono dentro per sempre. Nel tempo la mia curiosità è  cresciuta e ho iniziato a comprare dei libri per saperne di più, per  conoscere anche le proprietà delle erbe e dei frutti ed i piccoli rimedi casalinghi che se ne potevano creare. Ma il tempo era sempre poco, ero impegnata in altri studi e poi ho cominciato a lavorare. Potevo solo occuparmene nei ritagli di tempo. Alla nascita della mia seconda figlia ho perso il lavoro e quindi ho deciso che quello era il momento giusto per fare il tanto sognato passo, il cambiamento: dedicarmi alla natura e all’agricoltura, alle erbe, ai fiori, ai frutti. E così ho fatto.

PERCHÉ HAI DECISO DI APRIRE UN BLOG E UN GRUPPO FACEBOOK SULL’ARGOMENTO?
Quando ho aperto la mia piccola azienda agricola ho deciso che non avrei utilizzato NULLA di chimico per le mie coltivazioni, che avrei continuato a raccogliere ed utilizzare anche le erbe spontanee. Così ho iniziato a studiare come poter realizzare veramente un’agricoltura sana. Mi alzavo alle cinque e studiavo finché non si svegliavano le bimbe, poi pubblicavo quello che imparavo e praticavo sulla pagina della mia azienda, facendo anche le schede delle erbe che usavo per i macerati curativi per l’orto, ma che proponevo anche ai miei clienti. Facevo delle schede con tutte le spiegazioni e le ricette. Poi qualcuno mi suggerì di creare un gruppo e così è nato il gruppo face book “Erbacce e dintorni”. Quasi tutti mi prendevano per pazza… ma non tutti, per fortuna. Ho avuto la grande gioia di incontrare la mia amica Elena Rosa Carone Fabiani, proprietaria della Fattoria Biologica “Le Bricchiette” con la quale ho condiviso intenti, progetti e sogni. E’ nata una bella e forte amicizia, che ci ha dato e ci dà la forza di continuare ad inseguire i nostri sogni. Abbiamo iniziato lavorare insieme, vendendo i prodotti del nostro orto, ma anche erbe spontanee spiegando alle persone la nostra scelta ed i nostri metodi di lavoro, le erbe e le loro proprietà ed utilizzi. La nostra collaborazione si è rivelata preziosa, insieme siamo riuscite, da nulla, a fare molte cose. Insieme abbiamo creato l’associazione SemiLune, che ogni anno organizza corsi, laboratori ed eventi volti a diffondere la conoscenza delle erbe, dell’importanza salvaguardare l’ambiente e la biodiversità, dell’agricoltura naturale e dell’autoproduzione. Ogni anno con l’associazione organizziamo anche un evento-raduno del gruppo Erbacce e dintorni, un evento che vuole essere veicolo di diffusione della conoscenza delle erbe, ma anche delle tradizioni contadine, dell’artigianato, del buon cibo e della salvaguardia dei semi e della biodiversità. Nel tempo il gruppo è cresciuto molto e l’associazione ha iniziato a collaborare con altri gruppi ed altre persone che come noi lavorano con e per la natura. Oggi il gruppo conta quasi 35.000 persone. Veramente tante, così tante che non si fa in tempo a leggere attentamente tutto. Allora ho pensato (da qualche mese) di creare un blog, erbaccedintorni.blogspot.it, per fissare le notizie e le schede delle varie erbe, dei rimedi, tutte le notizie e le curiosità che ogni giorno scopriamo nel gruppo.

QUAL E’ L’ARGOMENTO PRINCIPALE DI DISCUSSIONE DI ERBACCE E DINTORNI?
Il tema principale del gruppo è,prevalentemente il riconoscimento e lo studio delle erbe spontanee, e delle loro proprietà, con un occhio attento ai saperi tradizionali e la biodiversità come risorsa. Notizie, curiosità, ricette... di tutto un po' sulle piante e i loro segreti. Un percorso di riscoperta della nostra meravigliosa biodiversità e di tutte quelle antiche tradizioni e conoscenze contadine che stanno andando perdute.
Il gruppo nasce e vive in quanto luogo di confronto, di scambio di conoscenze e di arricchimento reciproco.
Solitamente chi vuole essere aiutato nel riconoscimento e nello studio di una pianta posta la foto e gli altri membri del gruppo condividono le proprie conoscenze a riguardo.

ORGANIZZATE DEI CORSI? DEGLI EVENTI?
Con l’associazione SemiLune organizziamo spesso corsi e laboratori, eventi per adulti e bambini. E’ un lavoro ed un impegno quotidiano. La nostra è una vera e propria scelta di vita: la scelta di dedicarsi alla terra ed alla sua salvaguardia. Riteniamo che occorra recuperare la cultura del ‘mangiar sano’ e tenere vive le antiche tradizioni, le antiche coltivazioni, la biodiversità, il sapere ed il saper fare manuale, artigianale e contadino: ricchezze e patrimoni comuni che per troppo tempo sono stati accantonati in nome di uno sconsiderato ‘progresso’. Questo non significa guardare unicamente al passato, ma imparare dagli errori commessi e recuperare antichi saperi in modo da scegliere alternative più sostenibili per il futuro. Il nostro intento finale è quello di creare una rete tra quanti si occupano di natura, biodiversità, sostenibilità e cibo sano, promuovendo progetti e collaborazioni in tal senso, per riscoprire e diffondere un patrimonio naturale e culturale che, attualmente, è a conoscenza solo di pochi appassionati. L’Associazione, impegnata da anni nella coltivazione e nella salvaguardia di semi di varietà ortive e spontanee a rischio, promuove (almeno due volte l’anno) anche eventi per scambiare ed ‘affidare’ tali semi, affinché continuino ad essere coltivati e diffusi, in collaborazione con altre organizzazioni e gruppi come ‘Seed Freedom’ e ‘Amici dell’Orto 2’. Organizziamo poi corsi di artigianato e di riconoscimento delle erbe spontanee. Una volta l’anno, come già detto, organizziamo anche un evento più grande, nel quale far convergere tutte queste nostre attività e finalità: Erbacce e dintorni. Un evento-raduno del gruppo che ospita davvero tante attività: corsi, laboratori, conferenze, una mostra mercato di artigiani e produttori, vivai specializzati, giochi per bambini. Davvero un momento ricco ed intenso.

PICCOLA INTERROGAZIONE VEDIAMO SE SEI PREPARATA J:
DUE PIANTE CHE NON METTERESTI MAI SULLA TAVOLA E PERCHE’
Le erbe sono affascinanti, ma anche pericolose. Molte piante tossiche e velenose sono in realtà utilizzate come rimedio omeopatico e fitoterapico, ma sconsiglierei assolutamente l’ingestione o qualsiasi tipo di utilizzo da parte di persone non esperte e che abbiano condotto studi mirati. Qualche esempio: La belladonna, la cicuta, il tasso (le sue belle bacche rosse sarebbero anche invitanti… ma meglio starne alla larga), l’euphorbia… il solanum…

DUE PIANTE DI CUI NON POTRESTI MAI FARE A MENO IN TAVOLA E PERCHE’
Mi fai una domanda difficile… ci sono tante erbe preziose. Forse la cicoria, per la sua capacità depurativa e per la sua versatilità in cucina: possiamo mangiarla cruda da giovane piantina, ripassarla in padella, farne acqua cotta, mangiarla con il purè di fave. E’ stata una vera manna per l’uomo in tempi di carestia.


Anche il piattello o costolina d’asino è molto prezioso, soprattutto ai nostri giorni, perché ha la capacità di depurare l’organismo eliminando anche i metalli pesanti. Si può gustare nelle insalatine miste quando è ancora una giovane piantina,  o cotto, in zuppe o stufati, quando è un po’ più cresciuto, Un consiglio in generale per tutte le erbe: mai lessare buttando via l’acqua. L’acqua (non salata ovviamente) può essere bevuta come rimedio depurativo, ma se non serve a questo scopo meglio cuocere le verdure in una casseruola grande, con il coperchio e poca acqua. Si lascia evaporare e poi si ultima la cottura con i condimenti preferiti. In questo modo si evita di buttare tutti i nutrienti assieme all’acqua.





LA PIANTA CHE SECONDO TE HA Più UTILIZZI (FACCI QUALCHE ESEMPIO)
La calendula, perché se ne possono fare ottimi risotti (utilizzando i fiori), oleoliti per curare la pelle, biscotti, pesti, pane e tante altre preparazioni


LA PIANTA CON PIU’ PROPRIETA’ BENEFICHE/CURATIVE
Tra le piante più interessanti per la versatilità delle applicazioni mi sento di proporre l'Hipericum Perforatum, comunemente conosciuto come “ erba di San Giovanni”. E' una pianta dalle innumerevoli applicazioni ; secondo la tradizione viene raccolta proprio il 24 Giugno, giorno in cui si festeggia San Giovanni. Si trova comunemente tra le “erbacce” dei nostri campi tra le quali splende proprio per la struttura della sua  fioritura, con fiori raccolti in una sorta di corimbo, di colore giallo intenso.


E' conosciuta anche come erba scaccia-diavoli, si racconta che alla vigilia dell’omonima festa,  fosse utile portare una piantina di iperico insieme alla ruta, l’artemisia e l’aglio,per proteggersi dai malefici delle streghe,  
L'infuso , preparato con le sommità dei fiori essiccati, è utilizzato nel trattamento delle forme infiammatorie dei bronchi e delle vie urinarie, per l'attività balsamica, antibatterica, anticatarrale e antiflogistica.
L'oleolito invece si ottiene dalla macerazione dei fiori freschi in olio di oliva o di mandorle o di girasole. Ha proprietà cicatrizzanti e stimola la rigenerazione cellulare. E' usato contro le ustioni, l’eritema solare, per contrastare la secchezza della pelle del viso e del corpo. E' un vero e proprio trattamento di bellezza, e probabilmente uno dei prodotti antirughe e anti età più potenti ed efficaci che esista in natura.
Sembra abbia addirittura proprietà antidepressive e sedative.




QUALI SONO I TUOI PROGETTI FUTURI?
Noi riteniamo che ci sia, intorno a questi argomenti, un grosso fermento e una nuova attenzione. Come associazione abbiamo aderito alla campagna “Seed freedom” promossa da Vandana Shiva per la salvaguardia dei semi e della biodiversità, e abbiamo avuto l'opportunità di scoprire un universo di realtà che lavorano nella nostra stessa direzione. Pensiamo sia importante creare reti di collaborazione e di scambio per promuovere e diffondere una cultura che torni a mettere al centro dell'attenzione il rispetto della terra in tutte le sue forme.  Coltivare in modo naturale, escludendo il ricorso a qualsiasi prodotto chimico , significa rispettare gli equilibri  che esistono nel mondo naturale e che rappresentano una grossa ricchezza sia dal punto di vista alimentare che nel controllo delle infestazioni da parassiti.  Continueremo quindi a crescere insieme a molti altri; da qualche tempo abbiamo iniziato un progetto con la scuola elementare dove stiamo realizzando un orto biologico con i ragazzi e stiamo già lavorando alla terza edizione di Erbacce e dintorni cercando di coinvolgere tutte le realtà e le istituzioni  che lavorano su questi temi per rendere l'evento sempre più partecipato e fruibile da tutti.

I TUOI SOGNI?
Poter realizzare un orto botanico/vivaio con delle serre per poter coltivare tanti tipi di piante (spontanee e non) e varietà tradizionali che purtroppo stanno scomparendo.
Magari che si apra alle visite di scolaresche e gruppi di appassionati. Una “casa delle erbe”, nella quale organizzare corsi e momenti di riflessione, di studio, di aggregazione.

METTI QUI I LINK DELLA PAG FACEBOOK E DEL BLOG 
Pagina delle aziende agricole:


ORA NON TI LASCIAMO ANDARE SE NON CI POSTI UNA RICETTA SALUTARE E BUONISSIMA

Te ne propongo una buonissima e facilissima: il pesto (in tante versioni)
Il classico pesto, quello che facciamo con il basilico, si può fare con molte erbe diverse: con la rucola selvatica e le noci, con le mandorle e la silene comune, con i fiori di zucca e le zucchine tenere, con i baccelli di rosa canina ed i semi di girasole, con le barbe di finocchio: Ognuno può sbizzarrirsi secondo gusti, stagione e disponibilità delle erbe. Si possono aggiungere mandorle, pinoli o semi di girasole a piacere.
Si frulla tutto con olio extravergine d’oliva e un piccolo pezzetto di aglio se gradito. In pochi minuti avrete un ottimo condimento per primi piatti, per crostini o per un gustoso aperitivo da servire con gambi di sedano e carota. Insomma, massima versatilità e velocità e bella figura assicurata, con il vantaggio di non dover cuocere, perdendo proprietà nutrizionali e tempo. Provare per credere.
Vi aspettiamo a Erbacce e dintorni per scoprire molto di più. A breve sarà disponibile anche il nostro calendario con tante ricette e consigli utili

IN BOCCA AL LUPO PER TUTTO!
Grazie di cuore, anche a voi e a tutti i lettori. Buona Vita a tutti!