venerdì 17 febbraio 2017

Intervista al blogger: The Library of Belle


Oggi intervistiamo una blogger che si fa chiamare Belle, come il personaggio disneyano che più ama la lettura e i libri. Con lei parliamo di emozioni, immortalità e tanti (troppi?) libri del cuore. Trovate il suo blog qui


Benvenuta e grazie per aver accettato questa intervista. Chi sei nella vita di tutti i giorni?

Grazie mille a voi per questa bella iniziativa. Sono Belle (o meglio questo è lo pseudonimo che uso e no, non voglio rivelare il mio nome) e ho 28 anni. Sono una ragazza che si divide fra lavoro, lavoro e ancora lavoro e le persone a me care, viaggiando, quando possibile, perché non riesco a star ferma e conoscere, esplorare, mi fa sentire viva. Per il resto la mia vita è un caos, e ci vorrebbe una lunga seduta per parlarne ;)

 


Che posto hanno i libri nella tua vita?

Faccio un lavoro che è strettamente legato ai libri perciò direi che sono fondamentali nella mia vita, e per questo mi ritengo molto fortunata. Essendo un’accanita lettrice per me il libro è vita, è emozione, è conoscere, viaggiare, svago, è tutto. Con un libro posso trovare 1000 emozioni diverse, posso viaggiare nel tempo, nello spazio, e altro ancora. Umberto Eco disse «Chi non legge, a 70 anni avrà vissuto una sola vita: la propria. Chi legge avrà vissuto 5000 anni: c’era quando Caino uccise Abele, quando Renzo sposò Lucia, quando Leopardi ammirava l’infinito.. perché la lettura è un’immortalità all’indietro.» Come non essere d’accordo!

 

Qual è il tuo libro o il tuo autore del cuore?

Ah, bella domanda! Ne ho molti perché ognuno è legato ad un momento particolare della mia vita. Dalla serie di Harry Potter che mi ha accompagnato negli anni, al ciclo dei moschettieri di Dumas perché adoro il modo in cui riesce a coinvolgerti nella storia (in effetti è uno dei miei autori del cuore); dalla saga Lux della Armentrout che mi ha aperto un mondo e finora non ho trovato nemmeno un suo libro che non mi piacesse, ad ASOIAF (Le cronache del ghiaccio e del fuoco) del caro Martin e di cui ancora aspetto il seguito dopo anni e anni di attesa; da Orgoglio e pregiudizio della Austen (una delle autrici che più amo) alle avventure Poirot e Miss Marple. Tutti questi mi hanno aiutato in momenti particolari e hanno preso un pezzettino del mio cuore.

 

Perché hai deciso di aprire un blog letterario?

Perché le persone a me vicine non ne potevano più di sentirmi parlare di libri (ahahah...). Ma soprattutto perché posso esprimere ciò che penso liberamente e mi piace confrontarmi con altri lettori al riguardo.

 

Qual è il genere che preferisci leggere e recensire?

Anche qui vario a seconda dell’umore, ma principalmente Urban fantasy, distopici, storici, romance e gialli.

 

Leggi e recensisci anche altri generi?

Leggo molti classici e qualche volta biografie ma non li recensisco (non so dirti il motivo per cui non lo faccio).

 

Ti definiresti "buona" o "cattiva" con gli autori?

Beh, dipende: se il libro mi piace allora sono buona, se dovesse non piacermi per gusto personale sarei chiara; se invece il libro è proprio pessimo perché è davvero un brutto libro, allora sarei spietata, lo ammetto, ma semplicemente perché lo farei anche a tu per tu. Se non lo facessi sarei falsa ed è una caratteristica che non mi appartiene.

 

E gli autori, accettano le tue critiche?

Onestamente non lo so, ma è la vita. Se le accettano bene, altrimenti sono problemi loro. Ci si mette in gioco ogni giorno in ogni cosa e qualche volta quello che facciamo piace, altre volte no. Sono aperta a ogni dialogo nel caso in cui ci si voglia confrontare.

 

Cosa pensi del self publishing?

Non sono contraria, nel self si possono trovare storie e autori validi (per esempio, i libri di Liliana Marchesi per me sono davvero validi). Può essere un trampolino di lancio se si ha davvero del talento.

 

Se un libro non ti piace, lo recensisci lo stesso?

Certo! Alla fine è la mia opinione, possono esserci persone che sono d’accordo con me e altre a cui invece è piaciuto, e mi piacerebbe saperne il motivo.

 

Un parere per orientarci: cosa occorre a un libro oggi per attirare l'attenzione in un mercato così affollato?

Ah, questa è difficile. Posso dirti che secondo me è un mix di cover (perché anche l’occhio vuole la sua parte), una sinossi convincente (che ha lo stesso impatto dei trailer dei film) e una pubblicità ben studiata.

Per quanto mi riguarda, ciò che attrae la mia attenzione è una somma dei primi due elementi (cover e sinossi) e poi un qualcosa di particolare, originale, che deve spiccare e attrarmi.

Grazie mille ancora per le domande!!!!

 

Clara Cerri